Meizu M2 Note tecnologia avanzata

Il Meizu M2 Note è uno smartphone di ultima generazione prodotto dalla compagnia cinese Meizu, la quale commercializza articoli hi-tech di eccellente qualità a prezzi estremamente competitivi.

Il cellulare in questione si impone come uno dei top di gamma dell’azienda. Dal punto di vista estetico il Meizu M2 Note presenta forme eleganti ed arrotondate, esaltate dal ridotto spessore di soli 8,7 millimetri. I materiali costruttivi sono di ottimo livello, così come l’ergonomia, favorita dal peso di appena 149 grammi.
Per quanto concerne l’hardware, lo smartphone asiatico si basa su un processore Mediatek MT6753 octa-core da 1,3 GHz, su 2 GB di RAM e su una scheda grafica Mali T720. Lo spazio di archiviazione interno si attesta a 16 GB ed è espandibile tramite una scheda di memoria microSD. Naturalmente presenti gli ultimi standard relativi alla connettività, dal modulo Wi-Fi al Bluetooth, dalla LTE alla NFC, oltre all’ormai indispensabile sensore GPS. L’insieme delle caratteristiche appena elencate rende il cellulare altamente performante e adatto per la riproduzione di video in alta definizione, per l’utilizzo di app sofisticate e per il game-play dei videogiochi di ultima uscita.


Il Meizu M2 Note adotta un display touchscreen da 5,5 pollici con risoluzione Full HD, il quale offre un’elevata luminosità e dettagli nitidi e ben definiti. Il cellulare dispone di una doppia fotocamera: la posteriore ha una risoluzione di 13 megapixel ed è dotata di un duplice LED Flash, per garantire lo scatto di foto e la realizzazione di video in Full HD anche in caso di scarsa illuminazione; la fotocamera anteriore ha un sensore da 5 megapixel ed è ideata per scattare ‘selfie’ e per effettuare videochiamate.
Il sistema operativo del Meizu M2 Note è il moderno Android Lollipop 5.1, arricchito da FlyMe, la personalizzazione creata da Meizu. Il sistema si comporta bene con qualsiasi tipo di applicazione, assicurando un’eccellente navigazione su internet anche impiegando il browser nativo, e la riproduzione di contenuti multimediali di ogni genere, dai video alla musica, dai file di testo alle immagini.
Ottima l’autonomia, grazie alla batteria agli ioni di litio da 3100 mAh, la quale permette di utilizzare lo smartphone a livello intensivo per l’intera giornata.

Smartphone dual sim ultime novità

Gli smartphone Dual Sim sono sicuramente una straordinaria invenzione per chi come me utilizza due numeri telefonici: grazie a questi dispositivi è possibile gestire infatti due diverse Sim (anche di due operatori differenti) senza ricorrere ad un secondo telefono, con tutti i vantaggi che ne derivano sul piano della comodità e della convenienza economica: oltre al risparmio sull’acquisto di un terminale, bisogna considerare che è possibile in qualsiasi momento passare da un piano tariffario all’altro, scegliendo quello più conveniente in base alla situazione.

Tuttavia, i modelli di smartphone Dual Sim disponibili in Italia sono davvero pochi, ed il loro prezzo è generalmente molto elevato, almeno se si guarda ai dispositivi prodotti dai marchi più conosciuti.


Per questo motivo in molti, me incluso, hanno scelto di acquistare uno smartphone Dual Sim cinese: questi prodotti presentano caratteristiche identiche a quelli dei brand più conosciuti, ma sono venduti a prezzi molto più bassi, spesso addirittura dimezzati!
Molti storcono il naso sentendo parlare di smartphone cinesi, poiché i prodotti provenienti da questo paese sono spesso etichettati come scadenti, o visti come imitazioni di fortunati modelli occidentali.
In realtà questa accusa altro non è che una grossolana generalizzazione: se è vero che alcuni dispositivi prodotti in Cina siano dei cloni degli smartphone più conosciuti, non si può certo negare la serietà di tanti brand, come Huawei, Honor, Xiaomi e tanti altri, che propongono smartphone di ottima qualità ed estrema affidabilità, pur mantenendo un prezzo decisamente conveniente.
Io alla fine ho scelto di acquistare online uno Xiaomi Redmi 1s, e posso affermare di essere assolutamente soddisfatto: si tratta di uno smartphone maneggevole ma dallo schermo non troppo piccolo (4,7” di diagonale), che grazie al suo processore quad-core da 1,6Ghz garantisce ottime prestazioni.
Molto interessante, per chi invece vuole un dispositivo dalle dimensioni più generose, il suo ‘fratello maggiore’: il Redmi Note, un phablet con display da 5,5” e dalle prestazioni elevatissime, mentre se si è in cerca di un dispositivo dal costo eccezionalmente basso ci si può orientare sul Huawei Ascend G525, dalle prestazioni non elevatissime ma dal rapporto qualità-prezzo davvero imbattibile.

Sempre raggiungibile con un dual sim

Per gestire entrambi i miei numeri telefonici (quello personale e quello riservato al lavoro), mi sono messo alla ricerca di uno smartphone Dual Sim che mi consentisse di usare entrambe le schede sullo stesso dispositivo.

I modelli commercializzati in Italia non sono molti, e perlopiù il loro prezzo è davvero eccessivo; per questo motivo ho preso in considerazione di acquistare un telefono cinese, visti i prezzi decisamente contenuti rispetto a quelli dei modelli occidentali a parità di prestazioni.
Degli smartphone cinesi se ne dicono di tutti i colori su internet, e molti sono convinti (pur senza avere alcuna esperienza diretta) che si tratti necessariamente di dispositivi di infima qualità o povere imitazioni dei brand occidentali.


Certo, non mancano effettivamente casi di questo genere, ma ciò non toglie che esistano anche marchi di tutto rispetto, sempre più apprezzati anche dagli italiani a giudicare dal numero sempre crescente di cellulari ‘made in China’ che circolano nel nostro paese.
Alcuni marchi sono ormai molto popolari in tutto il mondo, ad esempio Huawei (o il suo sotto-brand Honor) che sforna continuamente dispositivi Top Gamma, anche se in questo caso non si può certamente parlare di smartphone ‘low-cost’.
Molto interessanti, tra i modelli che ho preso in considerazione, anche il THL L969, che tuttavia non eccelle sul piano delle prestazioni, e soprattutto lo Xiaomi Redmi Note, che ho seriamente valutato di acquistare, ma che alla fine non ho scelto a causa del display troppo ampio per le mie esigenze (si tratta di un phablet da 5,5”).
La mia scelta è invece ricaduta su Umi Zero, un potente smartphone Dual Sim Android della Umi, che ho comprato online ad un prezzo davvero irrisorio considerando le sue caratteristiche tecniche, e del quale posso dirmi davvero soddisfatto.
Umi Zero è un dispositivo con display da 5”, 2GB di memoria Ram ed equipaggiato con un potente processore octa-core da 2.0 Ghz. Sebbene non sia per me un aspetto fondamentale, devo poi sottolineare come le sue due fotocamere da 8 e 13 MP sfornino immagini che farebbero davvero invidia a molte reflex!
Quella degli smartphone cinesi è quindi una soluzione che consiglio di prendere assolutamente in considerazione, almeno a chi reputa che le prestazioni di un dispositivo siano più importanti del ‘prestigio’ dell’azienda che lo produce.

 

Vantaggi di uno smartphone dual sim

Per chi come me ha la necessità di utilizzare due diversi numeri di telefono, gli smartphone cinesi dual sim, che permettono di gestire contemporaneamente due schede (anche di operatori telefonici diversi), sono davvero utilissimi.

Questi cellulari consentono di poter essere raggiungibili su entrambi i numeri senza ricorrere ad un secondo telefonino, pur offrendo ovviamente anche la possibilità di disabilitare una sola delle due Sim, così da risultare ‘non disponibile’ sul relativo numero; ciò permette tra l’altro di beneficiare di due piani tariffari diversi, servendosi di volta in volta di quello più conveniente.
Il problema è che questi dispositivi hanno generalmente un prezzo particolarmente elevato, ed i modelli disponibili non sono molti; questo è il principale motivo che mi ha spinto a prendere in considerazione i cellulari cinesi, che offrono spesso le stesse caratteristiche dei più blasonati modelli occidentali a prezzi dimezzati.


All’inizio ero un po’ titubante, dato che gli smartphone cinesi vengono spesso accusati di essere delle scarse imitazioni dei brand occidentali e di avere una pessima qualità costruttiva. In realtà queste accuse arrivano perlopiù più da chi, forse proprio a causa dei propri pregiudizi, un cellulare cinese non lo ha mai utilizzato, mentre chi ha acquistato uno smartphone ‘made in China’ si dichiara solitamente soddisfatto dell’acquisto.
Effettivamente, dalla Cina arrivano anche prodotti che sono solo cloni dei modelli più popolari, ed altri che non riportano nemmeno il nome del brand che li produce, dai quali consiglio assolutamente di diffidare.
Ciò non toglie che esistano diversi marchi cinesi affidabilissimi e dalla indiscussa serietà, che propongono dispositivi all’avanguardia sotto qualsiasi aspetto, come ad esempio i ‘top gamma’ Android prodotti da Huawei o Honor, che negli ultimi anni sembrano aver preso piede anche nel nostro paese.
Dopo aver attentamente valutato diversi modelli, io ho scelto di acquistare uno Xiaomi Redmi Note, che con i suoi 5,5” di diagonale offre tutti i vantaggi di un phablet sul piano della multimedialità, pur senza risultare troppo ingombrante.
Ho comprato questo smartphone online qualche settimana fa, e ad oggi posso dire di essere pienamente soddisfatto della mia scelta: il dispositivo si è dimostrato potente ed affidabile, e soprattutto estremamente economico!